Ministero del cibo

Ma le noci fanno ingrassare?

Della Dottoressa Francesca Andreazzoli

Nel nostro governo è normale consuetudine che i bambini a scuola come snack mangino frutta secca sotto forma di noci, nocciole o mandorle. Anche gli adulti hanno l’abitudine di tenere sul luogo di lavoro un sacchetto pronto all’uso in caso che sopraggiunga un po' di fame. Così i distributori di malattie che, come sapete, sono banditi presso le nostre scuole e ospedali, sono sostituiti da distributori di snack costituiti sia da frutta fresca che secca.


A volte ci viene chiesto da qualche visitatore, con occhi sconcertati, se non sia esagerato mangiare tutti i giorni questi snack: non abbiamo paura di ingrassare?


Con gentilezza e pazienza facciamo notare al turista di turno che, se si guarda intorno, osserverà come nel nostro Governo non esistano persone obese, a differenza di quello che succede così frequentemente e drammaticamente nei paesi vicini, e che quindi può facilmente trovare la risposta sotto i suoi occhi.


Poiché comunque ai nostri governanti piace molto fare scelte per la salute dei propri cittadini basandosi il più possibile su ciò che dice la scienza mostriamo sempre a chi non si fida dell’evidenza anche le ricerche scientifiche.


Vi sono molti studi che hanno analizzato il problema dell’eventuale aumento di peso conseguente a un introito quotidiano di frutta secca: dal momento che questa si è dimostrata ricca di antiossidanti e protettiva ad esempio verso le malattie cardiovascolari sarebbe un peccato dover rinunciare a questi effetti benefici per il rischio di aumento di peso.


Gli studi in generale mostrano che una manciata di frutta secca al giorno o due cucchiai se assunta in crema si associa a un aumento dell’aspettativa di vita di circa due anni, che non è poi così male!
Vi sono decine di studi che hanno dimostrato come un’assunzione di frutta secca anche in dosi davvero cospicue (in uno studio si è arrivati a far mangiare alle persone ben 120 pistacchi al giorno per dei mesi) non si associ a aumento di peso ma anzi, in alcuni casi perfino a una lieve riduzione.


Vari sono i meccanismi proposti per spiegare il fenomeno; a noi interessa soltanto sapere che la frutta secca non dovrebbe essere un cibo riservato a occasioni festive come il natale ma un appuntamento quotidiano per grandi e piccini, come sanno bene i nostri abitanti!


A review of the evidence: nuts and body weight


Sharon Natoli (1) and Penelope McCoy (2)


1. Food and Nutrition Australia, 2. Hornsby Kuring, Australia


Asia Pac J Clin Nutr 2007;16 (4):588-597

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedIn

Lascia un commento

MINISTERI

MINISTERO DEL CIBO

MINISTERO DEL FUTURO

MINISTERO DELL' ATTIVITÀ FISICA

MINISTERO DELLA SOSTENIBILITA

MINISTERO DELLA CONDIVISIONE

NEWS

Frutta e verdura tutti i giorni

Del Dottor Alberto Fiorito Un recente articolo pubblicato sul British Medical Journal prende in considerazione 16 studi per un.... continua a leggere

Quei famosi mille giorni ovvero la prevenzione non inizia mai troppo presto

della Dottoressa Francesca Andreazzoli Sebbene sia ormai chiaro nel mondo scientifico quanto sia importante l’alimentazione nei primi 2 anni.... continua a leggere